Google My Business Website, un piccolo sito pensato per chi non ce l’ha

google my business websiteQuando si studia la strategia per una piccola attività locale, la realizzazione del sito web è una delle azioni che andrebbe sempre raccomandata. Nonostante la diffusione di tantissimi strumenti terzi, come la pagina Facebook o quella su TripAdvisor, possederne uno completamente tuo, è importante per mantenere il controllo della propria immagine.

E’ anche vero, però, che esistono situazioni in cui il sito potrebbe essere davvero superfluo. Non è questo l’occasione di addentrarci nel perché, fatto sta che Google ha rilasciato a livello globale un nuovo strumento che potrebbe tornare utile in queste situazioni.

Si chiama Google My Business Website è come si intuisce facilmente dal nome, consente di realizzare un sito web con i dati che abbiamo inserito nella nostra scheda My Business.

L’avviso di attivazione di questa nuova funzionalità, arriva direttamente nella casella di posta a cui è legata una proprietà. Il contenuto dell’email invita a vedere un’anteprima della propria scheda potenziata.

Cliccandoci si apre una schermata con l’ipotetico sito e i dati già presenti sulla propria scheda e formattati all’interno della pagina.

La struttura della pagina

Questi sono i blocchi presenti:

  • copertina con immagine e nome attività
  • chi siamo
  • foto e menù
  • mappa
  • indirizzo e contatti
  • orari di apertura

In partenza viene offerta la possibilità di modificare il tema, ma le differenze sono davvero minime e trascurabili.

Agendo sui singoli blocchi, abbiamo la possibilità di apportare alcune piccole modifiche, ma nulla che possa stravolgere l’essenzialità della pagina.

Oltre a modificare il titolo, è possibile aggiungere una descrizione che possa caratterizzare e distinguere facilmente l’attività.

Il chi siamo, in realtà è il riepilogo. Google sceglie di indicarla con il chi siamo in anteprima per dare un’indicazione a chi dovesse compilare il testo. Quindi, una piccola libertà per inserire le informazioni che si preferiscono. E’ possibile anche formattarle e inserire delle liste. Ad esempio, si potrebbero elencare i brand in vendita o i servizi disponibili, nonché inserire link con rimandi ad altro, oppure un contatto email. Facilitare il contatto è sempre una buona pratica.

Passando alla sezione foto e menù, si dà solamente la possibilità di caricare delle immagini, senza poter incidere sulla qualità della presentazione. Il consiglio è di fare comunque delle ottime foto.

Ultima parte, quella riservata alle informazioni e agli orari che andranno a posizionarsi in modo simile a quanto già avviene sulla scheda My Business.

Completate tutte le operazioni, sarà possibile pubblicare la pagina, ottenendo un url personalizzato del tipo nome.business.site.

C’è una sezione sul Supporto Google a disposizione per ulteriori informazioni.

Ho già il mio sito

Questa è un’ottima cosa. Se poi è tenuto costantemente aggiornato, è responsive e facilmente fruibile anche con i dispositivi mobili, puoi tranquillamente ignorare questa cosa.

Un altro sito, indifferenziato e poco ispirato, potrebbe ricevere visite che sarebbero dovute andare sul tuo vero dominio. Lasciamo che la scheda di My Business faccia il lavoro di prima intercettazione della domanda.

Ci saranno aggiornamenti?

Non so se definirla una versione 1.0, ma certamente in futuro verranno apportate modifiche e introdotte novità. E’ la natura di tutti i prodotti Google. Alcuni si sviluppano e diventano successi globali. Altri vengono chiusi senza alcun rimpianto.

Cosa potremmo aspettarci? Maggiore libertà di costruire i contenuti o l’integrazione con altri strumenti. Difficile dirlo. Al momento non si possono modificare neanche parametri basici o leggere statistiche anche elementari.

Vale davvero la pena?

La risposta è quasi sempre un chiaro, semplice e diretto no. E’ uno strumento molto essenziale e limitato. La definirei una scheda potenziata con un indirizzo web e poco più. Non dà alcun reale valore aggiunto alla propria attività.

Un altro servizio di indifferenziazione online. Se vuoi essere indistinguibile dagli altri, questa è una delle tante soluzioni possibili. Gratuita se gestita autonomamente.

Un piccolo primo passo per chi non ha mai curato la propria presenza online. Ma preferiamo pensare che la buona visibilità sia data da un’immagine migliore, in linea con quello che è lo stile e la proposta di valore del tuo marchio.

Se poi il tuo unico segno di vita online è una pagina Facebook, allora considera l’utilizzo di My Business Website. Sappi, però, che è come se stessi aprendo una vaschetta di gelato e decidessi di mangiare solo quello attaccato al coperchio.

 

The following two tabs change content below.
Figlio di commerciante. Mi laureo in Scienze politiche e frequento un Master in finanza e controllo di gestione, ma ho sempre seguito con interesse tecnologia, informatica e marketing. Ho unito le passioni e le ho trasformate in lavoro. Portierecalcio.it è la mia creatura più importante. Ressa.it è la condivisione di quello che ho imparato e realizzato.

Pubblicato da Francesco Ressa

Figlio di commerciante. Mi laureo in Scienze politiche e frequento un Master in finanza e controllo di gestione, ma ho sempre seguito con interesse tecnologia, informatica e marketing. Ho unito le passioni e le ho trasformate in lavoro. Portierecalcio.it è la mia creatura più importante. Ressa.it è la condivisione di quello che ho imparato e realizzato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.